Pelle matura: baciate dal sole, ma con delicatezza

Pubblicato il: 05/08/2021 - Categorie: News

In estate, la crema solare rappresenta un vero must che deve essere usato da chiunque si esponga al sole, a prescindere dal suo fototipo cutaneo. Come risaputo, infatti, un uso errato o la mancata applicazione dei prodotti protettivi mette in pericolo la salute della nostra pelle, impattando negativamente anche sulla sua naturale bellezza. Non tutti sanno, però, che le protezioni solari possono essere personalizzate in base all’età e ad altri fattori. Oggi ci concentreremo su tutte le accortezze da seguire per una corretta esposizione quando si ha la pelle matura e non solo, perché il sole non fa sconti a nessun tipo di pelle, ma con il passare del tempo la pelle potrebbe aver necessità di un supporto in più a livello dermocosmetico. 

Raggi UVA e UVB: gli effetti sulla pelle

I raggi ultravioletti UV sono molto potenti e possono provocare svariati effetti negativi sulla nostra pelle. I raggi UVA rappresentano circa il 95% della radiazione ultravioletta che arriva sulla superficie terrestre. Queste tipologie di raggi, che sono capaci di penetrare molto in profondità nella pelle fino a raggiungere le cellule del derma, sono tra le cause principali della produzione dei radicali liberi. Sul lungo termine, possono inoltre provocare fenomeni di invecchiamento precoce della pelle, reazioni fotoallergiche e, nel peggiore dei casi, tumori cutanei tra cui il pericoloso melanoma. I raggi UVB rappresentano invece il 5% della radiazione ultravioletta che raggiunge il nostro Pianeta. Sebbene siano trattenuti in parte dalle nuvole, sono molto potenti e possono penetrare anch’essi l’epidermide in profondità, causando problematiche quali reazioni allergiche, scottature, eritemi solari nonché tumori della pelle. Considerata l'aggressività dei raggi UV è molto importante proteggere la cute con grande attenzione quando ci si espone al sole, a prescindere dall’età e anche in caso di pelle matura.

Pelle matura: a che ora prendere il sole?

Esistono delle regole basilari per chiunque si esponga al sole desideroso di ottenere una tintarella sana e duratura, proteggendo nel contempo la propria pelle da spiacevoli conseguenze. Tra le buone abitudini da seguire, un’accortezza riguarda l'orario in cui si prende il sole nell’arco della giornata. Una esposizione che mira a essere sana, così da godere di tutti i benefici offerti all’organismo dal sole, non può infatti essere messa in atto senza tenere in considerazione un fattore come l’intensità dei raggi UV. La loro potenza risulta particolarmente forte tra le 11 del mattino e le 16, ossia nella parte centrale della giornata. In questo arco temporale, è perciò caldamente consigliabile evitare di esporsi, indipendentemente dall’età e dalla tipologia cutanea. Il suggerimento è ovviamente valido anche in presenza di pelle matura.

protezione solare per pelle matura

Invecchiamento della pelle: anche il sole fa la sua parte. Segni ed effetti

Sebbene l’esposizione al sole sia molto gratificante, nel lungo periodo, se non effettuata con la dovuta attenzione, è uno dei fattori che incide maggiormente sull’invecchiamento precoce della pelle. Parlando del rapporto tra pelle e sole, occorre prima di ogni altra cosa fare riferimento al cosiddetto fenomeno del fotoinvecchiamento, noto anche con il termine inglese “photoaging”. Si tratta di un particolare stato di invecchiamento della pelle provocato dal danno cronico derivante dall’azione dei raggi ultravioletti. Entrando più nel dettaglio del rapporto tra pelle e sole, va evidenziato che i raggi ultravioletti favoriscono l’invecchiamento cutaneo essenzialmente attraverso due meccanismi:

  • la produzione di radicali liberi, determinando quindi uno stress ossidativo;
  • il danneggiamento delle fibre di collagene nel derma.

Ricordiamo che, insieme all’elastina, il collagene è la fibra che dona sostegno, resistenza e compattezza al tessuto cutaneo. Si tratta quindi di una sostanza fondamentale per il benessere e per la naturale bellezza della nostra pelle.

Sotto il profilo più strettamente estetico, le manifestazioni evidenti del processo di fotoinvecchiamento sono per l’esattezza:

  • la comparsa di rughe più estese e profonde;
  • la perdita di i compattezza della pelle;
  • l’assottigliamento del derma;
  • l’insorgenza di macchie e discromie;
  • la presenza di pelle secca e disidratata; l'insorgenza di cheratosi attinica.

Accanto a questi segni, il photoaging apre la strada al rischio di sviluppare tumori della pelle. Si tratta quindi di un fenomeno che va contrastato con tutte le armi di cui siamo a disposizione, anche quando si ha la pelle ormai matura.

Creme anti-age super nutrienti e protezioni solari ad hoc

Oltre a ponderare fattori quali i filtri UVA e UVB, per riuscire a intervenire in maniera proattiva sul fotoinvecchiamento nella scelta delle protezioni solari personalizzate per una pelle matura si deve tener conto di altri aspetti. In primis, dei bisogni specifici di una simile tipologia cutanea. Una volta raggiunta la fase di maturità anagrafica, la pelle di una persona appare meno compatta e più secca. Inoltre, perde compattezza, luminosità, tono ed elasticità. Prima di ogni altra cosa, va perciò nutrita in profondità ma in maniera non aggressiva. Le protezioni solari idonee per questa tipologia di pelle devono essere contraddistinte da una texture delicata che va a sommarsi a un effetto idratante e possibilmente antiaging. Il complesso Plusolina dei solari Skinius risulta ideale per accompagnare l’abbronzatura di una pelle matura, proteggendola nel contempo dai potenziali danni inferti dai raggi UV.

skincare pelle matura skinius

L’azione protettiva di prodotti ad alta protezione quali PLUSOL Crema Solare SPF 50  va tuttavia coadiuvata con l’applicazione di creme anti-age super nutrienti, perfette per una pelle matura. Un alleato si può trovare nella Beauty Box Booster Antiage IN&OUT di Skinius che unisce i due prodotti della linea Skinius a maggior contenuto di Fospidina: il Siero Attivo FOSPID e l'integratore alimentare FOSPID.IN. La Fospidina è un complesso frutto della ricerca italiana, costituito da fosfolipidi derivati dalla soia e da glucosamina, sostanza precursore dell'acido ialuronico. Ottimo è scegliere di affiancare anche un integratore come TONIFIX.IN che aiuta a promuovere il benessere di ossa e muscolatura, tessuti di sostegno della pelle. Mentre texture più specifiche e nutrienti come quelle di LIFTNES e SHATUI possono essere efficaci anche la sera, dopo la spiaggia come doposole.

I prodotti con Fospidina sono ormai un must have nella beauty routine, non solo di numerose donne ma anche di molti uomini. Ciò si deve alla confermata efficacia anti-age del complesso che tra i suoi benefici più importanti:

  • aiuta a mantenere integro il film idrolipidico;
  • favorisce l'idratazione della pelle;
  • coadiuva la produzione di collagene e di elastina;
  • contribuisce a ristrutturare i tessuti.

Il risultato che si ottiene con la sua applicazione quotidiana è molto naturale e risulta adatto a qualsiasi tipologia cutanea inclusa la pelle matura, per la quale la Fospidina costituisce un valido supporto contro tutti i più comuni inestetismi dovuti all'invecchiamento. 

Condividi

Aggiungi un commento

 (con http://)