Dieta anti-acne: quali alimenti evitare e quali privilegiare | Skinius

Pubblicato il: 23/01/2020 - Categorie: News

Sdoganato che il cioccolato, a patto che sia fondente, non è tra le reali cause dei brufoli, è possibile richiedere a un buon dermatologo una dieta specifica per l'acne. I passi da seguire sono semplici e non prevedono grandi sacrifici, anche se va limitato il consumo di pizza, dolci, patate e carne rossa. Vediamo di più.

La dieta contro brufoli e punti neri: i cibi da evitare e i nutrienti da ridurre

Tra i cibi da evitare in caso di acne, sul banco degli imputati vengono chiamati in causa soprattutto i carboidrati. Ahimè, alcune tipologie di pane e pasta hanno un alto indice glicemico, che alza la concentrazione di glucosio nel sangue attivando la produzione di insulina, ormone destinato a mantenere sotto controllo questo zucchero. Quando il livello di insulina si alza, il fegato produce un ormone conosciuto come IGF1 (Insulin like-growth factor) che stimola la produzione di androgeni e attiva anche la produzione di sebo che si traduce in punti neri e brufoli.

Acne e alimentazione: quali sostanze fanno bene?

Dieta anti acne quali alimenti evitare?Per una buona alimentazione contro l'acne sono consigliati dunque in primis i cibi a basso indice glicemico. Ciò significa selezionare pasta e riso integrali e alternarli a orzo, farro, miglio, legumi e impasti al grano saraceno. Verdure ricche di fibre offrono un buon supporto a livello intestinale per rallentare l'assorbimento di glucosio. Consigliati anche frutti come mele, pere, arance, fragole e ciliegie. Per quanto riguarda i prodotti ittici, bisogna preferire il pesce azzurro, come sgombro, acciughe, salmone, tonno e sardine, tutti ricchi di omega 3, sostanze utilissime contro l'acne perché svolgono un'azione antinfiammatoria supportando il sistema immunitario. In questo modo è possibile contrastare l'attività del batterio P. Acnes, uno tra i principali responsabili della pelle a tendenza acneica.

L'acne può essere un sintomo di un'intolleranza alimentare?

Gli intolleranti al lattosio possono essere al sicuro, perché tra i cibi da evitare in caso di acne ci sono anche i latticini e in particolare il latte scremato. Per chi desidera una specifica alimentazione per aiutare a ridurre i sintomi dell'acne, esistono particolari esami del sangue che possono aiutare a stabilire la corretta dieta per acne. In alcuni centri specializzati e in accordo con il proprio dermatologo è possibile effettuare l'analisi lipodomica di membrana cellulare. Essa permette di valutare la concentrazione dei lipidi presenti nel sangue attraverso un'apposita analisi chiamata gascromatografia. Una volta ottenuti  i risultati dell'esame, il dermatologo è in grado di consigliare un'alimentazione personalizzata per il paziente, segnalando i cibi da evitare per non peggiorare l'acne. I risultati di una dieta per acne sono riscontrabili dopo circa 4 mesi, tenendo conto che la pelle impiega 28 giorni circa per rigenerarsi.

Gli integratori possono aiutare contro l'acne?

Se associato a una corretta alimentazione, un buon integratore può essere fondamentale per aiutare a ridurre i sintomi dell'acne. Recenti studi confermano l'azione antinfiammatoria dello zinco, utile anche in caso di pelle mista, grassa e acneica. A questo si possono associare attivi che aiutano a garantire il benessere della pelle come la biotina, vitamina del gruppo B che non possiamo assumere attraverso gli alimenti. Anche l'azione antiossidante è importante ed è esercitata dal polifenoli estratti dal pino marittimo francese o da vitamine come la C e la E. Tra gli estratti naturali consigliata invece l'echinacea, che supporta le difese immunitarie. Chiedi consiglio al tuo dermatologo per individuare l'integratore per la pelle più indicato.

Condividi

Aggiungi un commento

 (con http://)